Vai ai contenuti

Archivio

Categoria: Basi tecniche

Il File System  NTFS é utilizzato da Microsoft per gestione dei file e cartelle presenti du dischi rigidi o SSD in ambiente Windows, OS X é normalmente in grado di leggere correttamente i dati gestiti da tale sistema peró non é in grado dii scriverli.

Attualmente ci sono numerosissimi utenti che utilizzano il loro sistema Hackintosh in modalitá dual-boot Windows/OS X e la necessitá di accedere i dati memorizzati su dischi Windows si fa sempre piú frequente.

Quanto segue é una piccola e veloce guida(Video) che illustra come abilitare il supporto per la scrittura di file e cartelle gestite da NTFS.

  1. Scaricate ed installate Fuse per OS X
  2. Scaricate ed installate NTFS-3G
  3. Riavviare(Eventuali errori riportati al momento del riavviamento verranno risolti al punto 4)
  4. Scaricare ed installare Fuse_wait
  5. Il processo é completo

 

Una nuova versione di DCPIManager é stata rilasciata per OS X Lion e Mountain Lion, si tratta della versione 1.1 e questa offre le seguenti funzionalitá:

  • Ricerca dei dispositivi PCI presenti nel sistema.
  • Panoramica delle caratteristiche hardware del dispositivo come DevideId e VendorId.
  • Capacitá di ricostruire la kext cache, riparare permessi e installare kext.
  • Funzione di suggerimento kext da installare in correlazione al dispositivo PCI presente.
  • Capacitá di salvare o aggiornare la BIOS ROM
    Questa funzionalitá é particolarmente utile per tutti quegli utenti provvisti di una scheda madre prodotta da Asus, Asrock, MSI, Foxconn, Zotac e Biostar  che desiderino aggiornare il proprio BIOS con uno modificato e capace di riabilitare lo Speedstep e Sleep (Usare con cautela).

Il programma é disponibile gratuitamente attraverso Sourceforge.

Sempre piú utenti ci contattatono con la richiesta di ottenere informazioni sul come risolverere il problema di boot caratterizzato dal seguente messaggio:

boot0: GPT
boot0: test
boot0: test
boot0: Error

Prima di procedere ad illustrare le tre procedure applicabili per risolvere il problema vorremmo darvi qualche informazione tecnica circa le cause dello stesso.
L’errore é generato dal primo stadio(boot0) del bootloader Chameleon e indica l’incapacitá di caricare il secondo stadio del bootloader(boot1h) per completare l’avviamento.
Quello che succede in pratica é che molti nuovi modelli di dischi rigidi tipo il Western Digital Caviar Green utilizzano un nuovo formato chiamato Western Digital Advanced Format per memorizzare i dati sul disco rigido, una caratteristica di tale formato é quello di utilizzare settori di 4096 Byte contro i 512 Byte normalmente utilizzati(Il nuovo formato é stato ideato per offrire maggiori prestazioni di lettura/scrittura).
Ed é qui che il problema risiede, nella dimensione dei settori,  poiché al momento gli scipt per installare lo stadio boot1h non sono in grado di scrivere correttamente su settori di 4096 Byte il processo di installazione del bootloader non completa correttamente.

Ora che abbiamo illustrato la teoria passiamo alla pratica, in questa sezione vi presenteremo quattro modalitá per risolvere tale preblema partendo dal piú semplice e passando al piú complesso:

  1. Utilizzare iBootable per installare Lion o Mountain Lion, poiché iBootable é dotato di uno script di correzione automatica del problema Boot0.
  2. Utilizzare una chiavetta USB come primo dispositivo di avviameto.
    La chiavettá potrá avere una dimensione di 512MB o maggiore e dovrá essere preparata per ospitare Chameleon o Chimera.
    Tale preparazione potra facilemte essere effettuata scegliendo il volume USB come dispositivo di destinazione in Multibeast.
    Nel BIOS la chiavetta dovrá essere configurata come primo dispositivo di avviamento.
  3. Se disponete di un sistema Hackintosh funzionante potrete utilizzare un SATA/USB converter per installare il bootloader
    1)Scollegate il disco rigido che contiene la nuova installazione di Lion/Mountain Lion.
    2)Collegatelo al convertitore SATA/USB.
    3)Eseguite il Multibeast selezionando come disco di destinazione il disco SATA collegato via USB.
    4)Scollegate il disco e reinstallatelo nel sistema.
  4. Se si siete utenti un pochino piú avanzati proseguite come indicato nel seguente post.

In bocca al lupo.


Dopo alcuni mesi di lavoro siamo lieti di annunciare che la versione stabile di iBootable v.1.0 é da oggi disponibile gratuitamente per tutti i nostri utenti premium( Premium Download ) .

Come molti sapranno, installare OS X in modalitá Retail richiede la creazione di una chiavetta USB.
Il problema risiede nel fatto che per poter creare la citata chiavetta,  l’utente deve disporre di una macchina con OS X installato(sia esso un vero Mac, un Hackintosh o una macchina virtuale) e questo si dimostra spesso problematico o non fattibile per molti degli utenti.

Spinti da questa costatazione abbiamo pensato di sviluppare IBootable, un programma per Windows(XP SP3, Vista, Windows 7, 8. 8.1 e versioni superiori) che permette di creare una chiavetta di installazione per OS X, partendo da uno speciale file immagine RVI(Raw Volume Image)da noi realizzato.

Vogliamo sottolineare il fatto che la chiavetta di installazione creata con iBootable permette di installare OS X in modalitá Retail.
In tale modalitá il numero di modifiche apportate al sistema operativo é  limitato, garantendo cosí una maggiore compatibilitá con aggiornamenti futuri(Il rischio di pregiudicare il buon funzionamento del sistema applicando un aggiornamento é minimo).

Una guida che illustra l’utilizzo di iBootable é disponibile qui.

Invitiamo i gentili utenti a diffidare delle presunte copie di iBootable rese disponibili attraverso siti torrent o di file-sharing, siamo infatti al corrente di casi in cui il programma scaricato era un virus/trogliano e non il vero iBootable.
Solo attraverso il nostro sito é infatti possibile reperire la versione ufficiale del programma.
Siate quindi prudenti!

Lo specialista  Tonymacx86 ha publicato un bel articolo riguardante l’esistenza di un portatile particolarmente compatibile con OS X Lion.
Si tratta dell’ HP ProBook 4530S A1D50EAHK, facciamo notare che il modello qui riportato non corrisponde a quello documentato nell’articolo di Tonymacx86(il modello XU015UT non é reperibile in Italia).
Il portatile si presenta ben costruito ed elegante grazie al chassis in alluminio anodizzato e tastiera tipo chicklet(la stessa presente sul MacBook Pro), le caratteristiche sono le seguenti:

  • CPU: Intel® Core i3-2310M 2,1 GHz
  • Memoria: 4GB DDR3 1.333MHz/ 2 / 8GBMax.
  • Schermo: 15.6 Pollici, 1366×768, 16:9, LED
  • Scheda grafica: Intel HD Graphics 3000
  • Dimensioni e peso: 374 x 287 x 37 mm / 2.51Kg
  • Batteria e durata: batteria agli ioni di litio 6 celle/intorno alle 6 ore
  • Garanzia: 12 Mesi presso hp Italia

Le prestazioni sono ragionevoli, con un Geekbench di 4809(per una comparazione con i prodotti Apple vedi qui).

La compatibilitá hardware é pressoché perfetta, due note negativa riguardano la scarsa luminositá/ridotta risoluzione(1366×768)del monitor e l’incapacitá della trackpad di riconoscere le gesture introdotte da Lion.
Comunque visto il prezzo di circa 680 Euro non credo che ci si possa lamentare troppo, per quel prezzo vi potete scordare di acquistare un MacBook.
Per coloro interessati ad questo portatile con OS X Lion, consigliamo di installare il file di definizione SMBios del MacBook Pro 8,1(lo si puó fare con MultiBeast).

Sorgente: Tonymacx86

Una domanda che ci viene spesso sottoposta dai nostri utenti é quella relativa al come masterizzare un’immagine .DMG in Windows.
Per coloro che non lo sapessero il formato DMG é utilizzato per creare immagini di disco ed é proprietá di Apple, al momento Windows non offre alcun supporto nativo per questo tipo di formato.

Qui di seguito elenchiamo le possibili alterative:

Nel caso che si scelga di convertire la DMG in ISO, sará di seguito possibile masterizzare la ISO utilizzando uno dei molti programmi disponibili.


Salve ragazzi, il contenuto di questa guida descriverá la procedura da noi consigliata per installare OS X 10.7.0 Lion.

Abbiamo suddiviso il contenuto in tre sezioni, la prima descriverá i prerequisiti necessari per poter procedere all’installazione di Lion, la seconda illustrerá alcune configurazioni hardware da noi conisiderate particolarmente idonne per essere utilizzate con Lion e per finire l’ultima sezione interesserá la procedura vera e propria.

Buona lettura!
Guida di installazione  per OS X 10.7.0 Lion

Un problema che spesso si presenta agli utenti piú avanzati é quello di render visibili i files e cartelle di sistema, entitá queste normalmente
nascoste  da Finder.

Ecco come fare:

  1. Aprite il Terminale.
  2. Inserite il comado sudo  defaults write com.apple.Finder AppleShowAllFiles YES
  3. Confermate con la vostra password.
  4. Riavviate Finder con il seguente comando killall Finder

Se siete fra coloro che trovano questa procedura troppo impegnativa, allora vi consigliamo di utilizzare UnHidden o ShowAllFiles(li troverete nella sezione Downloads).
Questi programmi automatizzano la procedura sopra illustrata e sono forniti di intefaccia grafica.

Un parametro molto importante al fine del correto funzionamento del kernel di OS X é il cosiddeto FSB speed(Front Side Bus), questo descrive essenzialmente la frequenza del bus che collega il processore con il northbridge chip della scheda madre(I porcessori Intel piú  moderni tipo i3, i5, i7, hanno abbandonato l’uso del FSB in favore del  QuickPath).

Normalmente Chameleon bootloader é in grado di calcolare automaticamente la giusta frequenza, nonostante questo ci sono casi in cui il valore calcolato non é correto e il risultato di questo é per esempio il continuo riavviarsi del sistema.
In queste circostanze é possibile utilizzare uno speciale flag di avviamento conosciuto come BUSRATIO.

Andremo ora ad analizzare la procedura necessaria per calcolare il valore di questo parametro:


  • La maggiorparte dei processori Intel hanno un FSB di 133Mhz(Possibili valori sono 100, 133, 166, 200, 333 or 400 Mhz).
  • Definiamo CPU-FQ(Frequenza del processore).
  • Definiamo FSB-FQ(Frequenza FSB).
  • Definiamo MX(BUSRATIO).
  • Consideriamo il caso che si tratti di un Core i5-430m 2.26 GHz (2260), moltiplichiamo 2.26 per  1000 e otteniamo 2260 .
  • Applichiamo la formula  CPU-FQ/FSB-FQ = MX    2260 / 133 = 16.99248120300752
  • Arrotondiamo 16.99248120300752 al primo valore intero superiore 17
  • Il nostro BUSRATIO é 17
  • Avviate OS X, al boot di Chameleon premete F8.
  • Inserite il bootflag busratio=17
  • Se il sistema avvia in modo corretto potete applicare la modifica al file  com.apple.boot.plist(potreste anche utilizzare Lizard)

    <key>Kernel Flags</key>
    <string>busratio=17</string>

É anche possibile dare il valore del busratio al momento dell’avviamento nella forma busratio=xx(dove x é il valore desiderato).
Per concludere alleghiamo una tabella(ringrazioamo tonymacx86 per questa) con i valori piú comunemente utilizzati per i processori della famiglia i3, i5, i7 di prima generazione(non i Sandy Bridge).

 

Se non siete soddisfatti dell’interfaccia grafica fornita da Chameleon al momento dell’avviamento allora vi consigio di continuare a leggere.
Cambiare il tema grafico non é difficile e richiede solo pochi passi, analiziamoli in dettaglio:

  1. Scegliete  uno dei temi sviluppati dal gruppo Vodooproject(una registrazione gratuita é richiesta).
  2. Scaricate il pacchetto selezionato nel formato zip.
  3. Estraete la cartella contenuta nel pacchetto sulla vostra scrivania, solo nel caso che la citata cartella si chiamasse default dovrete cambiaterle il nome(il nuovo nome non deve contenere spazi).
  4. Copiate la cartella in /Extra/Themes/.
  5. Scaricate e installate Lizard-0.62(lo troverete nella zezione Downloads del nostro sito) .
  6. Avviate Lizard(per informazioni e video circa questo programma visionate il seguente articolo).
  7. Nella sezione Boot Options troverete l’opzione a tendina Theme, cliccate su di questa e selezionate il Tema di vostro gradimento(premendo il bottone Advanced troverete altri parametri correlati al tema, vi consigliamo di non modificarli).
  8. Salvate e riavviate