Il 9 gennaio 2011 Intel ha orgosamente introdotto la seconda generazione dei microprocessori i3,i5,i7.

Questi processori sono basati sull’architettura Sandy Bridge(formalmente conosciuta come Gesher), architettura questa implementata con un sistema produttivo a 32nm e destinata a sostituire gli attuali processori basati sull’architettura Nehalen.

Importante caratteristica di questa acrchitettura é quella di integrare le uni.tá grafiche(HD2000 o HD3000) direttamente sul chip rendendo quindi l’ uso di schede gafiche esterne superflue.

I nuovi processori  utilizzeranno il socket 1155 e a  secondo del modello offrono  Hyper-threading, Turbo Boost e una clock massimo che puó raggiunge i 3.8Ghz, inoltre per coloro che siano interessati nell’ overclocking vogliamo sottolineare il fatto che solo i processori con il postfiisso K possono essere utilizzati a tal fine(il moltiplicatore interno non é bloccato).

Sandy Bridge per desktop:

  • Core i7-2600K: 4 cores/8 threads – 8 MB Cache, 3.40 GHz – Hyper-threading-Turbo Boost-Utilizzabile per  Overclocking
  • Core i7-2600: 4 cores/8 threads – 8 MB Cache, 3.40 GHz – Hyper-threading-Turbo Boost-Non utilizzabile  per  Overclocking
  • Core i5-2500K: 4 cores/4 threads – 6 MB Cache, 3.30 GHz – Turbo Boost-Utilizzabile per  Overclocking
  • Core i5-2400: 4 cores/4 threads – 6 MB Cache, 3.30 GHz – Turbo Boost-Non utilizzabile per  Overclocking
  • Core i5-2300: 4 cores/4 threads – 6 MB Cache, 2.80 GHz – Turbo Boost-Non utilizzabile per  Overclocking

 

Accanto alla nuova generazione di microprocessori vengono inoltre introdotti i nuovi chipset Q67, B65, H67 e P67, i primi due sono rivolti al mercato dei server e stazioni di lavoro mentre i restanti a quello consumer.

Il chipset H67 permette il supporto dell’ integrata interfaccia grafica mentre il chipset P67 permette l’ overclocking.

Al momento il  vanilla kernel OS X  non offre alcun supporto nativo per questa nuova gamma di processori e correlati chipset, per questo se siete sul punto di scegliere nuovo hardware per il vostro sistema vi consigliamo di aspettare ancora qualche mese, ritorneremo infatti sull’ argomento proponendovi una nuova configurazione  basata su questa famiglia di processori.

Pur esistono versioni modificate del kernel(leggi il seguente articolo) che permettono di effettuare installazioni funzionanti di OS X, vogliamo sottolineare il fatto che questa soluzione é fortemente sconsigliata.