Vai ai contenuti

Archivio

Archivio per dicembre 2010

VirtualBox é un prodotto che offre avanzate funzioni di virtualizzazione senza il bisogno di acquistare costose license(vale solo in caso di uso personale).

Una ottima occasione per provare questo prodotto é quella di installare Apple OS X Snow Leopard su una macchina virtuale, permettendoci con ció di valutarne le funzionalitá senza grosso impegno economico.

Per effettuare l’ istallazione da noi proposta vi invitiamo ad utilizzare le configurazioni indicate, inoltre in coda a questo articolo potrete trovare i link per scaricare i software necessari:

VirtualBox 4.0

DVD di installazione Snow Leopard

Una copia di EmpireEFI(Lo si puó scaricare qui ma fate attenzione poiché esiste una versione Intel e una AMD)

Un PC con  un processore  Intel o AMD che supporti Intel VT-x o AMD AMD-V(Utilizzare SecurAble per verificare il supporto offerto dal vostro microprocessore)

1Gb ram(2GB sarebbero stati migliori ma sfortunatamente non erano disponibili sul nostro sistema)

30Gb di spazio su disco rigido.

Vi invitiamo ora a seguire le fasi dell’ istallazione attraverso il video sottostante


Installare Apple OS X su un normale PC é un processo abbastanza complesso, la raggione per questa complessitá risiede nel fatto che questo sistema operativo é stato sviluppato per essere utilizzato esclusivamente su hardware Apple.

Al momento esistono due modalitá per superare questo ostacolo, utilizzare versioni modificate del sistema operativo o fare uso di speciali bootloaders.

Tenendo conto della facilita e flessibilitá di utilizzo abbiamo deciso di ridurci ad illustrare il secondo metodo, questo infatti é al momento la miglione soluzione per produrre installazioni con completo supporto per update e buona compatibilitá hardware.

Iniziamo con la scelta dell’ hardware per il nostro Hackintosh, la scelta dei componenti é infatti cruciale per il risultato finale.

Come giá detto Apple ha sviluppato il suo sistema operativo con l’ obbiettivo di utilizzarlo solo su i propri PC, ricreando quindi una piattaforma hardware simile a quella originaria ci garantisce le migliori probabilitá di successo.

Il sistema che vi presenteremo in questo articolo pur essendo piuttosto economico(circa 550 Euro) garantisce un livello di prestatione paragonabili a quelle di un IMac da 1800 Euro, vogliamo in ogni caso essere correti e comunicare le seguenti limitazioni

  1. L’ HDMI audio non é al momento supportato(ci stiamo lavorando) .
  2. Il supporto per dispositivi IDE é possibile ma richiede l’ installazione del driver come decritto nella sezione alla fine dell’ articolo.


Qui di seguito la configurazione proposta:


Intel Core i5 760
Gigabyte GA-H55M-USB3
4GB Transcent JetRam PC3-10666(o equivalente memoria)
1TB Samsung SpinPoint F3
Sapphire HD 5770

Inoltre avremo bisogno di un CD Snow Leopard 10.6.3 Retail(lo si puó aquistare anche per circa 30 Euro) e un CD di avviamento, quest’ ultimo dovrá essere masterizzato da voi stessi usando il file ISO riportato alla fine di questo articolo.
Prima di iniziare dovremo assicurarci che il BIOS  sia configurato adeguatamente,  avviate il sistema e entrate direttamente nel BIOS Setup premendo Delete, a questo punto vi troverete nella schermata principale.

  1. Vi troverete difronte il menu principale, fate attenzione a noi interessano solo i tre submenu come indicato dalla seguente immagine:
  2. Selezionando il menu Advanced BIOS Features modificate la precedenza di avviameto come indicato:

  3. Ora nel Integrated Peripheralsmenu dobbiamo porre PCH SATA Control Mode e Onboard SATA/IDE Ctrl Mode su AHCI:
  4. Finalmente dopo aver selezionato il menu Power Management Setup porre HPET Mode in 64-bit mode
  5. Salva e esci premendo F10.
  6. Il sistema riavvia e vi presenta la schermata del nostro programma di installazione, inserire ora il CD di installazione di Snow Leopard e dopo aver aspettato qualche secondo premi F5.
  7. Il programma di installazione di Snow Leopard si avvia e vi permettera di scegliere il linguaggio di installazione, fatto questo dovremo formatta il disco di installazione.
  8. Dal menu Utility fare partire il programma Utility Disco, selezionare il disco di installazione.
  9. Inizializzare il disco con modalitá MAC OS Esteso(Journaled) dando un nome di vostra scelta.
  10. Procedere all’inizzializzazione cliccando su inizializza.
  11. Finita la formattazione chiudere il programma Utility Disco e procedete con l’ installare Snow Leopard sul disco appena creato.
  12. Terminata l’ installazione non riavviate.
  13. Scarichiamo gli aggiornamenti combinati OS X 10.6.6 da qui.
  14. Avviamo il programma di installazione aggiornamenti(terminata l’ installazione non riavviate)
  15. Installiamo ora il bootloader e i drivers, sulla scrivania troverete l’ icona de nostro CD di installazione con il nome BootCD,  cliccate su questa e  avviate il programma Na Installatie  presente al suo interno.
  16. Terminata l’ installazione de programma citato al punto 15  rimuovete il DVD di installazione e riavviate.

Il CD di avviamento(BootCD  Sistema G) potrá essere scaricato qui.


Procedura installazione driver per dispositivi IDE

Al momento consideriamo l’utilizzo dei dispositivi IDE piuttosto anacronistico vista la presenza dei piú moderni e veloci dispositivi SATA, di conseguenza il nostro BootCD no offre supporto nativo per questa interfaccia.
La procedura che segue permette di installare i driver necessari per il supporto IDE, seguite attentamente la procedura qui illustrata:

  1. Scaricate KextUtility.v2.3.2 , scompattate e ponete l’ applicazione dulla vostra scrivania.
  2. Scaricate il seguente driver JMicron36xATA.kext, scopattatelo e ponetelo sulla vostra scrivania.
  3. Ora la parte importante, con un movimento ti drag e drop muovete il file JMicron36xATA.kext sull’icona di KextUtility.
    Una finestra si aprirá e allo stesso tempo vi verrá richiesta la vostra password inseritela e avviate l’ installazione(fate attensione ad non inerromperla poiché puó durare alcuni minuti)
  4. Termita l’installazione sarete  in grado di utilizzare il vostri dispositivi IDE.